Ricetta per preparare pane con la macchina del pane.

Come fare un buon pane con la macchina del pane.

La macchina del pane è uno di quegli elettrodomestici che attirano molto l’attenzione in quanto non c’è niente di più buono di mangiare un buon pane appena sfornato.

Con la macchina del pane si mettono tutti gli ingredienti dentro, e la macchina pensa a fare tutto, ad impastare, far lievitare e cucinare il nostro pane caldo.

Inoltre pensate la comodità di trovare il pane pronto al rientro dopo una giornata di lavoro.

 

Eppure, non sempre si trova la ricetta giusta.

Ora io ti propongo una ricetta che dà il giusto equilibrio tra morbidezza e croccantezza del pane.

 

 

 

 

Ingredienti per 1/2 kg di pane (per 1 kg raddoppia gli ingredienti):

  • 200 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale
  • 350 g di farina 0 o forte
  • 6 g di lievito di birra fresco sbriciolato
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

Preparazione:

Metti gli ingredienti nel cestello della macchina per fare il pane nel preciso ordine in cui sono elencati sopra. Importante è che il sale non venga a contatto con il lievito.

Segui però la funzione “pane francese”, se presente. Oppure “cottura classica, tempo standard”.

Il tempo di cottura totale è di 3 ore e mezzo, da quando metti gli ingredienti nel cestello ed avvii il programma a quando spegni ed estrai il cestello col pane cotto.

Ora fai raffreddare completamente, poi servi.

Scopri una delle migliori Macchine per il Pane

Suino Nero: tutto quello che c’è da sapere

Suino Nero: tutto quello che c’è da sapere

Se ci allontaniamo dall’immagine comune che siamo abituati a conoscere possiamo scoprire uno scenario completamente differente sui suini.
Esistono infatti tantissime varietà di maiali e no, non sono tutti rosa.
Il suino nero si trova in Italia da molto più tempo rispetto a quelli rosa e presenta notevoli proprietà qualitative, tra queste l’Omega 3 contenuto all’interno del grasso dell’animale.

Suino Nero: curiosità

Il suino nero incuriosisce gli amanti del buon cibo, ma si tratta davvero di un’alternativa così valida?
La risposta è si, è il tutto è confermato non solo dalla qualità della carne stessa dell’animale ma anche del suo allevamento. Tutti i suini neri infatti vengono allevati in Italia all’aperto, dunque allo stato brado, nutrendosi solo di ghiande, radici e arbusti.

Proprio l’alimentazione naturale dei suini neri garantisce il sapore delle carni gustoso e marezzato. Si tratta di carni adatte alla cottura che non disperdono liquidi.

La carne del suino nero è utilizzata anche per la produzione dei salumi, grazie infatti alla presenza del grasso intramuscolare, se ne ricavano prosciutti e insaccati apprezzati dall’intera comunità gastronomica.

Il Suino Nero di Naturacarni

Tra i produttori di Suino Nero, si segnala l’azienda campana Naturacarni S.R.L. che sarà presente alla fiera gastronomica iMeat di Modena il 24, 25 e 26 Marzo proprio per presentare questa prelibata carne.

Naturacarni è un’azienda di vendita all’ingrosso di carne con un’esperienza alle spalle lunga un quarto di secolo nel commercio del bestiame. Il benessere dell’animale corrisponde alla salubrità del prodotto finale: è questa la filosofia portante di NaturaCarni.

Il suino nero di NaturaCarni ha un percorso vita non inferiore ai 10 mesi (il doppio rispetto al comune suino nazionale, il triplo rispetto agli esteri) e la sua alimentazione è bilanciata, sia in termini mangimistici sia in termini temporali.

Il suino nero NaturaCarni contiene in sé un’autentica rivoluzione: il grasso di questo animale contiene un’alta quantità di Omega 3, notoriamente presenti nei prodotti Ittici.

Nel suino NaturaCarni ilNERO il contenuto di questi importanti acidi grassi polinsaturi è superiore a quello di tanti prodotti ittici.  Ciò consente di poter coniare lo slogan: la carne buona come il maiale, sana come il pesce. Il suino NaturaCarni ilNERO è certificato dall’Ente AGROQUALITA’ e riconosciuto da ACCREDIA.

Cosa aspettarsi da NaturaCarni a iMeat 2019

Presso lo stand B10/Padiglione C a iMeat Modena sarà possibile ricevere tutte le informazioni necessarie riguardo i pregiati prodotti NaturaCarni, ma non solo. Il Nobile ilNero e il Prosciutto stagionato ilNero, accompagnati da prosecco, saranno offerti a tutti gli ospiti dello stand Naturacarni, affinché la qualità eccelsa e il sapore eccezionale di questi prodotti vengano constatati in prima persona dai visitatori.

La figura dello chef e i suoi utensili.

La figura dello chef e i suoi utensili.

Un mestiere tanto ambito e tanto amato.
Tanti sono i giovani che ambiscono a diventare chef e conseguono il diploma di maturità in scuola alberghiera.
Ma non basta aver conseguito il titolo, serve tanta esperienza nel campo.
Bisogna, infatti, seguire un percorso formativo abbastanza lungo per cui occorrono, innanzitutto, tanta passione e dedizione.
Lo chef non è soltanto un cuoco, ma è colui che comanda in cucina, che gestisce le ordinazioni, istruisce e supervisiona i cuochi.
Uno chef sa usare alla perfezione gli utensili da cucina per stupire e sorprendere con piatti unici e squisiti.

Gli utensili più utilizzati dagli chef.
Gli chef non solo hanno tanti utensili in cucina, ma sanno anche usarli benissimo.
Gli chef dispongono di un utensile ed un accessorio adatto per ogni esigenza, che semplifichi il lavoro e renda più facile raggiungere un risultato finale eccezionale.
Tra gli utensili più utilizzati dagli chef troviamo:

  • Set dei coltelli: una valigetta contenente dai cinque ai ventiquattro coltelli con cui gli chef tagliano e sminuzzano in maniera molto precisa tutti i loro ingredienti;
  • Più taglieri, uno per tagliare i formaggi, uno per le carni crude ed uno per le carni cotte, uno per il pesce, uno per la frutta. Con i taglieri gli chef riescono a lavorare più sicuri e evitano che si rovinino le lame dei coltelli;
  • Tris di pentole e padelle, in varie misure e di ottima qualità;
  • Scolapasta professionale, che non è come quello comune in plastica, ma in acciaio con manici molto solidi che, anche quando si va di fretta, si evitano scottature;
  • Accessori fondamentali (mestoli in acciaio, lecca pentole, cucchiai, forchettoni in legno, grattugia, cavatappi, forbici);
  • Colino multi-funzione (es. spolverare lo zucchero sui dolci, sciacquare olive e capperi, setacciare la farina);
  • Raschietto, usato dagli chef come lecca pentole o paletta da cucina, per mescolare i cibi che cuociono nelle padelle;
  • Ciotole e contenitori di diverse misure, in vetro o acciaio per contenere gli ingredienti del giorno e conservare meglio ciò che resta da conservare in frigo per il giorno successivo;
  • Frusta da cucina quando non è necessario utilizzare il robot da cucina;
  • Pelapatate per rendere la preparazione di una ricetta più sbrigativa;
  • Strumenti di precisione (bilancia e dosatore);
  • Pinza “professionale” molto utilizzata dagli chef;
  • Mattarello lungo o corto e di qualsiasi materiale sia fatto resta pur sempre l’emblema dello chef.

Esser chef vuol dire svolgere un lavoro molto impegnativo che richiede sacrifici, tempo e tanta creatività, ma le soddisfazioni non mancano ad arrivare.
Lo chef è un artista a tutti gli effetti, che con i colori, i sapori ed i profumi delle sue ricette riesce a emozionare e a toccare la nostra anima.
Per concludere, se sei un ragazzo, un adulto o semplicemente un appassionato di cucina e stai valutando la possibilità di trasformare questa tua passione in una professione, allora consegui il diploma di maturità in uno degli indirizzi di studio degli istituti alberghieri. Dopo anche tu guarderai con occhi diversi gli utensili da cucina di cui abbiamo parlato e delizierai il palato dei tuoi clienti con un tocco in più di professionalità.